Atuttapagina.it

Tonfo contro un irresistibile Empoli, il Frosinone è sconfitto per 2-4 e scivola al quarto posto

Dove iniziano i meriti dell’Empoli e dove finiscono i demeriti del Frosinone? Questa sera al “Benito Stirpe” è scesa in campo la squadra più forte del campionato per distacco, l’Empoli, ma da Longo e dai suoi giocatori ci si aspettava di più, tenuto conto che fino a mezz’ora dalla fine il risultato sorrideva ai giallazzurri. Poi c’è stato il crollo, un tonfo pesante che lascerà strascichi sul morale: il 2-4 è duro da digerire e ancor più insopportabile è quella classifica che adesso vede scritto il nome del Frosinone solo al quarto posto.
La sorpresa nella formazione è l’impiego di Crivello sulla fascia sinistra del 3-5-2, con Beghetto in panchina; in porta c’è Vigorito, mentre in difesa Krajnc è preferito ad Ariaudo. Neanche il tempo di studiare la disposizione tattica delle due squadre che il Frosinone passa in vantaggio! Castagnetti perde il pallone, Paganini e Ciano ripartono e proprio il trequartista, questa sera schierato come seconda punta, lascia partire una conclusione che non dà scampo a Gabriel: Frosinone avanti per 1-0 al 1′. Il “Benito Stirpe” già molto caloroso prima del fischio d’inizio, si entusiasma ancora di più. La reazione dell’Empoli è affidata al colpo di testa di Donnarumma che si spegne sul fondo, mentre Dionisi scalda i guanti di Gabriel con un violento tiro. Poi è di nuovo Empoli: Zajc prova a sorprendere Vigorito con una conclusione di esterno, ma il pallone termina a lato. Poco prima della mezz’ora Crivello sfiora il raddoppio raccogliendo la palla calciata da Ciano da corner: il sinistro del terzino è preciso e forte, ma Gabriel si oppone provvidenzialmente deviando con la mano. Con il passare dei minuti cresce il pressing dell’Empoli, che però non produce azioni pericolose. Si va, così, all’intervallo con il Frosinone in vantaggio di un gol.
La ripresa si apre con l’immediato pareggio azzurro. Siamo al 4′ e Zajc mette in mezzo un cross che trova il perfetto colpo di testa di Krunic che batte Vigorito: il risultato adesso è di 1-1. Ma il pari dura solo 3 minuti, visto che al 7′ il Leone torna in vantaggio! È il solito Ciano a pescare il jolly con il suo meraviglioso sinistro: il pallone è imparabile per Gabriel e il Frosinone si porta sul 2-1. Per Camillo si tratta di una doppietta personale. L’Empoli si riporta immediatamente in attacco e Vigorito si deve superare per salvare la sua porta dall’iniziativa di Donnarumma. Ma al 16′ il portiere giallazzurro è costretto a capitolare. È ancora un colpo di testa a punire il Frosinone: questa volta il gol arriva su corner battuto da Pasqual, che trova la testa di Di Lorenzo per la rete del 2-2. Poco prima della mezz’ora Longo effettua un doppio cambio: fuori Dionisi e Crivello e dentro Citro e Beghetto. Ci prova Paganini a riportare in avanti i suoi, ma il suo destro sorvola la traversa. Ma sono gli ospiti ad andare più vicini al vantaggio: Caputo ha la possibilità di battere Vigorito dal centro dell’area di rigore, ma spedisce fuori. L’appuntamento dell’Empoli con il gol, però, è rimandato solo di qualche secondo. Siamo al 33′ quando la squadra toscana segna la rete del 2-3: Zajc trova il varco giusto per Caputo, che questa volta non fallisce e porta in vantaggio la sua squadra. Longo corre subito ai ripari ed effettua il terzo cambio: Soddimo prende il posto di Maiello. Inizia il forcing giallazzurro, ma Paganini spreca di testa mandando fuori. E pochi secondi dopo Krajnc imita il compagno fallendo, sempre di testa, il gol del possibile nuovo pareggio. Siamo entrati nel recupero e qui le speranze dei tifosi giallazzurri vengono spente definitivamente dal quarto gol dell’Empoli. Siamo al 46′ quando Caputo serve il neo entrato Lollo, che con un tocco morbido supera Vigorito e segna la rete del 2-4. La partita finisce qui: il Frosinone crolla nell’ultima mezz’ora, passando da 2-1 a 2-4. La classifica resta quella vista prima di questa partita: il Leone scivola al quarto posto. E adesso si fa durissima. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni