Atuttapagina.it

E oggi tutti a “gufare” il Parma: non chiamatela antisportività, è solo un bisogno vitale del Leone

Non si tratta di sperare, senza costrutto, nelle disgrazie altrui. Non sarà come nelle coppe europee, quando lo sport preferito di tantissimi italiani è confidare nelle sconfitte di una squadra rivale, senza reale vantaggio per la propria, che magari quelle stesse coppe neanche le gioca. Qui il caso è assai differente. Il Frosinone DEVE “gufare” il Parma perché se quest’ultimo vincesse sempre, il controsorpasso non potrebbe essere effettuato. Nessun gesto antisportivo, dunque, quando nel pomeriggio di oggi, intorno alle 17:30, i tifosi del Leone si accomoderanno davanti alla televisione e assisteranno al posticipo della terz’ultima giornata del campionato di Serie B, che vedrà il Parma scendere in campo a Cesena.
Non ci sarà niente di male nel confidare che vincano i padroni di casa o che la gara termini in pareggio. Il “gufaggio” questa volta non solo sarà consentito, ma sarà anche doveroso per tutti coloro che tengono al Leone. Perché va bene il motto “Vinca il migliore”, ma ancora più importante è che vinca la propria squadra del cuore. E senza gufare per un passaggio a vuoto dei diretti concorrenti, tutto ciò non potrà verificarsi. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni