Atuttapagina.it

Uccide la ex e poi si suicida, folle gesto dell’attaccante del Tuttocuoio (Serie D) Federico Zini

Una tragedia ha sconvolto la vita tranquilla di San Miniato, paese di 28 mila abitanti in provincia di Pisa. L’attaccante del Tuttocuoio, squadra iscritta al campionato di Serie D, Federico Zini ha ucciso a colpi di pistola la sua ex fidanzata Elisa Amato e dopo, con la stessa arma, si è tolto la vita con un colpo alla testa.
Elisa aveva 30 anni e viveva a Prato, mentre Federico ne aveva cinque di meno e quest’anno aveva raggiunto la salvezza in Serie D (girone D) con il Tuttocuoio, società di Ponte Egola (Pisa) dove era arrivato l’estate scorsa. A scatenare la violenza, secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, ci sarebbe stata una violenta lite tra i due ragazzi sotto casa di lei venerdì notte a Prato, finita in tragedia. Federico sarebbe andato sotto casa di lei per convincerla a tornare insieme. Nel corso della lite, secondo i carabinieri, Zini avrebbe costretto la ragazza a salire in auto dirigendosi verso San Miniato dove si è consumato il delitto. «È stato un omicidio-suicidio», è la versione ufficiale dei carabinieri. I cadaveri dei due giovani sono stati ritrovati all’interno di un’auto in un parcheggio in località Gargozzi. Da quanto emerso da fonti investigative, l’omicidio non sarebbe avvenuto a Prato, ma a San Miniato.
A 25 anni Zini era considerato una promessa non mantenuta del calcio italiano. Giovanili nell’Empoli, dopo le prime esperienze in Serie D e in Lega Pro, aveva fatto la valigia decidendo di trovare fortuna all’estero in un lungo girovagare: Malta (Msida nel 2014), Bulgaria (Botev Vrasta nel 2015), Filippine (Ceres-Negros nel 2016), Mongolia (Ulaanbaatar nel 2017). Rientrato in Italia l’estate scorsa, era stato tesserato in D dal Tuttocuoio dopo aver superato un infortunio. Alla fine di una stagione complessa, a inizio maggio aveva festeggiato insieme ai compagni la salvezza nel girone D della Serie D. Da diversi anni Zini era impegnato in iniziative di solidarietà.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni