Atuttapagina.it

19 giorni di riposo del Frosinone contro i soli 3 del Cittadella, ma i più stanchi sembravano i giallazzurri

C’è un aspetto da tenere in seria considerazione in questi play-off. Dalla semifinale di andata alla finale di ritorno si giocheranno 4 partite in soli 11 giorni. Decisiva, allora, potrebbe essere la condizione atletica. Tradotto: chi avrà le gambe più leggere da qui al 16 giugno potrà ambire più degli altri alla promozione in Serie A.
In vista della gara di ritorno contro il Cittadella e, magari, con l’obiettivo di giocare anche le due partite della finale, il Frosinone preoccupa non poco. Ieri pomeriggio si sono affrontate due squadre che erano reduci rispettivamente da 19 giorni di riposo, il Leone, e da soli 3 giorni di pausa, il Cittadella. Eppure i più freschi sono incredibilmente sembrati proprio i veneti.
Ma c’è di più. Il Citta veniva dalla logorante sfida del primo turno dei play-off contro il Bari, terminata dopo ben 120 minuti. Il Frosinone, invece, aveva giocato l’ultima volta in quel famigerato 18 maggio contro il Foggia nell’ultima partita della stagione regolare. Insomma, ci aspettava che a patire la stanchezza fosse più il Cittadella che non la squadra di Longo. E, invece, è stato l’esatto opposto. Adesso il Leone dovrà cercare di recuperare velocemente le energie fisiche: in ballo c’è la Serie A. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni