Atuttapagina.it

Grazie Alessandro Frara, il miglior capitano che il Frosinone potesse avere

È stato il capitano della rinascita del Leone, la squadra ferita dalla retrocessione dalla Serie B del 2011. Alessandro Frara è colui che ha indossato con onore la fascia al braccio nell’indimenticabile cavalcata verso il ritorno in B e poi nella storica prima promozione in Serie A. In questi anni il Frosinone ha trovato un leader dentro e fuori il rettangolo di gioco che ha reso orgogliosi tutti i tifosi. Oggi non c’è un solo sostenitore che non sia contento che quei gradi siano appartenuti a Frara e non solo perché nel 2014 il Frosinone sia stato promosso in Serie B grazie proprio a uno straordinario gol di Alessandro.
Di Frara, che dopo 7 stagioni ha concluso la sua esperienza in giallazzurro, resteranno la dedizione e la generosità sempre messe al servizio del Leone. Ma a noi piace ricordare ciò che si verificò proprio in quell’anno di grazia che è stato il 2014.
In quella caldissima sera di inizio giugno, nella finale dei play-off contro il Lecce, sembrò che una favola fosse stata scritta dal migliore dei narratori, perché a fare il gol della promozione, quello del vantaggio nei tempi supplementari, fu proprio Frara. A quel pallone che gonfiò la rete seguirono lacrime di gioia e di tristezza, quelle versate da Alessandro in ricordo del papà. E poi quella scritta sulla maglietta, come se il papà Gianni, scomparso nel febbraio precedente, avesse teso una mano verso suo figlio per farlo volare così in alto e permettergli di segnare un gol di testa. Il calcio è capace di regalare anche emozioni come queste. E allora oggi ad Ale diciamo grazie per tutto ciò che ha dato al Frosinone. (Gabriele Margani)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni