Atuttapagina.it

Meteo, il freddo ha le ore contate: nel weekend picchi di caldo sopra la media

Sole e ancora una coda di fresco domani sull’Italia, con temperature ovunque al di sotto delle medie stagionali per le correnti, anche se indebolite, provenienti dai Balcani. Ma poi, affermano i meteorologi del Centro Epson, l’alta pressione tornerà temporaneamente su tutta l’Italia garantendo ancora prevalenza di tempo soleggiato e favorendo nel contempo un nuovo sensibile aumento delle temperature, che torneranno quasi dappertutto al di sopra della norma, ma senza raggiungere i picchi di caldo anomalo che hanno caratterizzato le scorse settimane.
Domani, spiegano gli esperti, «la giornata sarà soleggiata con cielo sereno o al più poco nuvoloso per il passaggio di qualche modesta velatura sulle regioni del Centrosud; qualche addensamento potrà lambire verso sera il versante ionico della Calabria e della Sicilia, dove nella notte sarà possibile qualche occasionale piovasco». Le temperature minime saranno in ulteriore calo al Centrosud e all’estremo Nordovest e potranno scendere sotto i 10 gradi alle basse quote anche sulle regioni centrali.
Le massime saranno in rialzo anche di 3-5 gradi fatta eccezione per l’estremo Sud. Il rialzo termico – spiegano da Epson meteo – sarà accompagnato da un’attenuazione dei venti settentrionali che soffieranno, però, ancora moderati sul medio Adriatico e al Sud, localmente forti sul basso Ionio. «Venerdì ci saranno nuvole all’estremo Sud con la possibilità di brevi rovesci o temporali sulle zone ioniche di Calabria e Sicilia che saranno coinvolte» marginalmente dagli effetti di un’intensa depressione che si andrà formando nel basso Ionio e che potrebbe evolvere in un Tropical Like Cyclone, cioè un ciclone mediterraneo.
Sabato è prevista una veloce perturbazione e un nuovo calo della temperatura soprattutto sulle Alpi e domenica anche al Centrosud, dove tornerà ad aumentare il vento. Qualche pioggia sui rilievi del Nordest e poi lungo la Penisola nelle successive 24 ore con nubi e temporali sul versante Adriatico del Centro, più diffusi sulle regioni meridionali.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni