Atuttapagina.it

Nasce la Fiab Frosinone, tra gli obiettivi la promozione della cultura della bici e lo sviluppo di una mobilità alternativa

L’esempio di Oslo raccontato da Johannes Raustol, economista dei trasporti e sviluppo urbano in quella città, e dall’architetto frusinate Silvia Valeri, che da tempo vive in Norvegia, ha introdotto la presentazione della neonata associazione Fiab Frosinone i cui obiettivi sono il miglioramento della vivibilità urbana e del benessere ambientale. A Oslo si è investito su piste ciclabili e auto elettriche coinvolgendo la popolazione, anche Frosinone potrebbe fare altrettanto.
La conferenza stampa di presentazione del sodalizio, aderente alla Federazione Italiana Amici della Bicicletta, si è svolta ieri mattina al Birracolo di via Firenze a Frosinone. E la Settimana europea della mobilità è stata il contesto giusto per fare il punto sulle infrastrutture ciclabili e i progetti attuabili anche nel capoluogo.
Il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Fabio Tagliaferri ha mostrato massima apertura alla collaborazione con la Fiab. «Dal punto di vista pratico bisogna fare ancora molto», ha detto anticipando che all’inizio del prossimo anno verrà appaltato l’ultimo tratto della nuova Monti Lepini, dal casello autostradale a via Fabi, che include la pista ciclabile.
«Il percorso ciclabile può essere riconducibile alla stazione ferroviaria completando il collegamento con Madonna della Neve. Altri due finanziamenti regionali  sono destinati a progetti per piste ciclabili».
Destreggiandosi tra i limiti dello stato urbanistico e le asperità orografiche del territorio, per Tagliaferri andrebbe migliorato l’esistente, a cominciare dai servizi come l’affidabilità dell’ascensore inclinato e incentivato il bike sharing rimasto snobbato.
Il presidente della Fiab Frosinone Piero Lancia, che ha adottato la bicicletta come stile di vita, ha rimarcato la sua esperienza quotidiana a cominciare dalla stazione ferroviaria dove le rastrelliere vengono riempite. C’è, quindi, un movimento d’interesse verso le due ruote, oltre alle attività sportive, che però trova ostacoli nella cultura della non bicicletta con disturbo verso gli automobilisti. «Alla luce della crescente attenzione verso la mobilità ecologica, ma anche delle difficoltà logistiche ad essa collegate, ci poniamo come interpreti delle esigenze ambientali dei cittadini, come catalizzatori delle istanze di chi ha voglia di scegliere le due ruote come mezzo ordinario, anche solo per una passeggiata domenicale. E di percorsi attorno alla città e nei dintorni ce ne sono e anche molto belli».
Walter De Dominicis, presidente Ruota Libera Fiab Roma, ha parlato del progetto della Ciclovia Francigena che da Roma raggiungerebbe Brindisi, passando sul tracciato dell’antico trenino Roma-Fiuggi, già pista ma scollegata con la Capitale. Per tale progetto, che si inserirebbe in un percorso europeo con partenza da Londra, si stanno chiedendo finanziamenti.
Nel contesto europeo (rete Eurovelo) sono tre i percorsi italiani: come Vento (Venezia-Torino), Bicitalia 3 da Londra a Brindisi e che passerebbe a Fiuggi e un’altra verticale che attraversa Roma verso la Sicilia.
Un altro grande progetto è il Grab (Grande raccordo anulare delle bici): 45 chilometri dentro la città che collegherebbe tutti i parchi, per ora è solo un sentiero.
Dunque, nell’incontro di ieri sono state poste le basi per una collaborazione fattiva tra Fiab e amministrazione comunale di Frosinone al fine di arricchire o modificare la viabilità cittadina rimettendo al centro la salute delle persone e l’ambiente, con uno sguardo allo sviluppo cicloturistico anche nel resto della provincia.
In questa ottica è importante la sinergia con le associazioni che perseguono i medesimi obiettivi.
Fiab, inoltre, premia gli sforzi di quelle amministrazioni che mettono in pratica concrete politiche per la mobilità in bicicletta. Se il Comune avrà i requisiti minimi, potrà far parte di ComuniCiclabili, fregiarsi del relativo marchio ed esibire la bandiera. In tale contesto sono in programma giornate formative.
È stata, quindi, citata l’esperienza adottata a Frosinone in forma sperimentale del Bicibus, ovvero i bambini accompagnati a scuola su due ruote.
Nell’ambito della Settimana europea per la mobilità, Fiab Frosinone organizza con i soci una passeggiata venerdì prossimo 21 settembre: nel giorno del Bike to Work la risposta di Fiab Frosinone è “Tornando a casa in bici”. Un’occasione per annunciare la campagna di tesseramento 2019, che ha inizio ad ottobre. Un modo per allargare la rosa degli amici della bicicletta che da Fiab avranno agevolazioni e utili indicazioni, assicurazione compresa.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni