Atuttapagina.it

Frosinone, progetto Solidiamo: domani saranno gli studenti delle scuole medie ad essere premiati

Si chiuderà domani 6 ottobre, presso l’auditorium Paris del Conservatorio di Frosinone, l’edizione 2018 del progetto Solidiamo FormAzione, con la cerimonia di consegna di borse di studio e premi agli studenti dei comprensivi più meritevoli, residenti nel capoluogo.
Nel corso dei due appuntamenti – sabato scorso, infatti, sono stati protagonisti gli istituti di istruzione superiore – sono stati premiati circa 1.000 studenti, destinatari di borse di studio, abbonamenti per il teatro o per il cinema presso il cinema teatro comunale Nestor.
«Anche quest’anno – ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani – l’amministrazione comunale di Frosinone, unica in Italia, è promotrice di un’iniziativa che mette al proprio centro il merito e la solidarietà mediante il taglio del 50% dei compensi del sindaco, degli assessori e dei consiglieri comunali. Il progetto Solidiamo, infatti, è nato nel 2012 con l’intento di attuare, concretamente, una considerevole riduzione dei costi della politica e della classe dirigente, finanziando così borse di studio per i giovani residenti nel capoluogo (con la sezione “FormAzione”) e attività culturali a favore degli anziani (con la sezione “Anchise”). E anche quest’anno saremo felici di premiare i giovanissimi studenti che, spesso a prezzo di grandi sacrifici, propri e dei loro genitori, hanno portato brillantemente a termine un ciclo formativo a cui hanno contribuito, significativamente, dirigenti, corpo docente e anche personale Ata. Grazie agli strumenti da loro forniti ai ragazzi, questi ultimi hanno appreso quale sia la libertà più grande: studiare. Prendendo spunto dalle parole di Gianni Rodari, potremmo dire che non si nasce con l’istinto dello studio: si tratta di un bisogno culturale che può essere innestato nella personalità dei più giovani. Sappiamo che è un’operazione quanto mai delicata, perché il solo paragone che sopporta è quello con l’innesto di un nuovo senso: la capacità, cioè, di usare lo studio come uno strumento per conoscere il mondo, per conquistare la realtà, per crescere». L’inizio della cerimonia è previsto per le 9.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni