Atuttapagina.it

Il Liceo di Ceccano incontra l’Europa, all’istituto fabraterno gli studenti di 4 scuole straniere

Si è concluso con successo il Ceccano City Camp, fase di accoglienza presso il Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano del progetto Erasmus+.
Dal 18 al 24 novembre, in concomitanza con la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, 20 studenti provenienti da Amburgo (Germania), Frederikssund (Danimarca), Talavera de la Reina (Spagna) e Turku (Finlandia), accompagnati dai loro docenti, sono stati accolti da altrettanti corrispondenti italiani delle classi 4B, 4D, 4F e 4G per sviluppare il progetto biennale denominato “Plastics and prejudice? Sense and sustainability!”.
Tra le molte attività proposte dal Liceo nel corso del City Camp, quelle legate allo studio dell’olio extravergine di oliva.
Particolarmente significativa la lezione-laboratorio tenuta dalla dottoressa Angela Canale, agronoma di fama internazionale, esperta assaggiatrice di oli. Nel corso della lezione la dottoressa Canale, partendo dalla situazione delle coltivazioni autoctone e dalle difficoltà legate ai cambiamenti climatici con le relative malattie dell’olivo nel nostro territorio, ha sollecitato gli studenti ad utilizzare i sensi dell’olfatto e del gusto per saper distinguere i differenti oli e coglierne le caratteristiche salienti diventando assaggiatori esperti per un giorno.
Inoltre, il gruppo ha visitato il frantoio Quattrociocchi ad Alatri ed ha assistito alla spremitura delle olive con visita all’impianto e degustazione.
Non è mancata una visita a Roma presso l’ufficio del Parlamento europeo dove i nostri studenti hanno partecipato alla campagna denominata STAVOLTAVOTO, volta alla sensibilizzazione dei giovani alle politiche europee.
A conclusione della settimana di studio e ricerca, il gruppo di studenti delle cinque nazionalità ha dato vita ad un interessante workshop, nei locali del Liceo di Ceccano, durante il quale i giovani coadiuvati dai loro docenti hanno lavorato in team per la realizzazione di oggetti di uso quotidiano utilizzando esclusivamente materiali riciclati.
Straordinaria la partecipazione e l’entusiasmo che hanno accompagnato il Ceccano City Camp a dimostrazione che un futuro migliore per i nostri giovani può esistere. I ragazzi hanno saputo incarnare lo spirito del progetto Erasmus, superando barriere linguistiche, collaborando ad un progetto comune, negando pregiudizi e luoghi comuni, costruendo ponti per un’Europa più giusta, solidale e green. (Rita Irene Cipriani)


Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni