Atuttapagina.it

Antonio Megalizzi è morto, non ce l’ha fatta il giornalista italiano ferito nell’attacco a Strasburgo

Antonio Megalizzi non ce l’ha fatta. Il 28enne italiano, gravemente ferito alla testa, è la quarta vittima della strage dell’11 dicembre ai mercatini di Natale di Strasburgo. La comunicazione ufficiale è stata data dalle autorità francesi nel pomeriggio di oggi, ma la morte – a quanto pare – risale ad alcune ora prima.

Le condizioni di Megalizzi erano apparse disperate sin dal primo istante, anche se una comunicazione confusa da parte dei francesi aveva per qualche ora lasciato intendere che il ragazzo era stato ferito solo lievemente. Già nella notte, subito dopo l’attentato, si era capito però che stava lottando tra la vita e la morte.

La prima conferma della gravità della situazione era stata data nel pomeriggio di mercoledì dal professor Pascal Bilbaut, direttore dell’ospedale Hautpierre, dove era ricoverato. Il proiettile sparato da un paio di metri di distanza da Cherif Chekatt lo aveva colpito alla base del collo, da dietro, arrivando a pochi millimetri dal midollo spinale. Per questo era stato dichiarato inoperabile.

Il momento del ferimento è stato raccontato così a La Repubblica da Caterina e Clara Rita, due amiche che si trovavano con lui martedì sera: «Stavamo camminando tutti e tre insieme a pochi passi dalla cattedrale di Notre Dame, quando ho sentito dei colpi secchi. Mi sono girata. Ho visto un uomo che sparava, era vicino a noi. Si era appoggiato al muro e ci aveva puntato la pistola alla testa. Le persone fuggivano. Anche noi abbiamo cominciato a scappare e ci siamo rifugiate in un bar. Solamente allora Clara ed io ci siamo accorte che Antonio non c’era più, probabilmente era caduto e l’avevamo perso».

L’indomani Megalizzi – che non ha mai ripreso conoscenza – è stato raggiunto a Strasburgo dalla famiglia (papà, mamma e sorella) e dalla fidanzata Luana. Nelle prossime ore verranno sbrigate tutte le formalità burocratiche del caso.

Megalizzi era un giornalista volontario di Europhonica, una web radio dedicata all’Europa, la sua passione. Pochi minuti prima dell’attentato era nella sede del Parlamento europeo per fare un’intervista.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni