Atuttapagina.it

Frosinone, l’appello del consigliere Daniele Riggi: «Permettiamo all’asilo nido Pollicino di proseguire l’attività didattica»

«L’attuale legge di bilancio varata dal governo giallo-verde si sta rivelando l’ennesima tagliola sui bilanci comunali, dato che riduce ulteriormente le già scarse risorse disponibili per i servizi ai cittadini. L’asilo nido comunale “Pollicino” vive da diverso tempo una situazione precaria, infatti il servizio, in assenza di nuova gara per l’affidamento, va avanti attraverso delle proroghe. Adesso, a causa anche dei recenti tagli imposti dal Governo, c’è il forte rischio che nel bilancio comunale di quest’anno non ci siano le risorse sufficienti per garantire il proseguimento dell’attività del servizio, almeno fino alla fine dell’anno scolastico». È l’allarme lanciato dal consigliere comunale di Frosinone Daniele Riggi.

«Sarebbe veramente clamoroso e ingiusto interrompere un servizio didattico ad anno scolastico inoltrato, considerando che i genitori hanno già versato le quote di iscrizione e, soprattutto, hanno organizzato i propri impegni lavorativi e personali sapendo di poter contare sul supporto del servizio – prosegue Riggi -. In questo modo rischiamo di danneggiare le famiglie, con cui il Comune ha preso degli impegni, i bambini, che vedrebbero interrotto il loro percorso didattico, e, soprattutto, i lavoratori e le lavoratrici dell’asilo, che in questi anni hanno garantito con professionalità un servizio utile a tutta la comunità. Capisco che in una situazione economica così drammatica sia difficile mantenere operativi tutti i servizi a domanda individuale, va anche detto, però, che nel caso degli asili nido le quote versate per il servizio da parte dell’utenza consentono di bilanciare parte della spesa, generando così una “perdita controllata”. L’asilo nido Pollicino, tra l’altro, in questi anni ha sempre svolto un servizio di qualità, apprezzato dall’utenza, che ha consentito a molte famiglie frusinati, a fronte di impegni di vita e di lavoro sempre più pressanti, di poter garantire ai propri figli un’educazione socio-affettiva adeguata nella seconda infanzia, ad un costo accessibile. In tempi così difficili non tutti hanno le risorse economiche per potersi permettere servizi educativi privati, così come non tutte le coppie di genitori hanno la fortuna di avere a casa familiari a cui poter affidare la cura dei propri bambini».

«Spero, dunque, che ci sia la volontà politica di garantire il proseguimento del servizio almeno fino alla fine di quest’anno scolastico, diversamente si andrebbe incontro a un precedente veramente imbarazzante per la nostra Amministrazione, che non può pensare di avviare dei servizi scolastici senza essere certa della copertura finanziaria almeno fino alla fine dell’anno didattico – conclude il consigliere Riggi -. Sono convinto che per un servizio così apprezzato e importante ci sia la disponibilità di tutto il Consiglio comunale, maggioranza e minoranza, a intraprendere una battaglia comune presso la Regione o il Ministero per ottenere dei canali di finanziamento; intanto cerchiamo di eliminare il più possibile le spese velleitarie».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni