Atuttapagina.it

Rifiuti, la Regione Lazio contro il Comune di Roma: «Spetta al Campidoglio l’individuazione degli impianti di smaltimento»

Sulla vicenda della mappa regionale delle discariche e degli impianti di smaltimento dei rifiuti è intervenuta anche la Regione Lazio. Dopo essere stata chiamata in causa prima dalla Città Metropolitana di Roma e poi dallo stesso Ministero dell’Ambiente, che l’avevano indicata come responsabile dell’individuazione delle aree idonee alla localizzazione degli impianti, dalla Regione è arrivata una secca smentita: «Spetta alla Città Metropolitana».

«Queste sono attribuzioni previste dalla legge – spiegano dalla Regione – e non sono suscettibili di interpretazioni di parte». La Regione Lazio «ha inoltre richiesto al Comune di Roma l’aggiornamento del Piano Industriale di Ama per conoscere il fabbisogno impiantistico previsto per la gestione del ciclo dei rifiuti della Capitale».

Intanto, l’ente guidato da Nicola Zingaretti ha confermato «che approverà in Giunta il Piano rifiuti entro il mese di gennaio».

«Da parte sua – si legge ancora nella nota – la Regione ha inoltre il compito di redigere il Piano rifiuti, promuovendo politiche attive per ridurre la produzione dei rifiuti, aumentare la raccolta differenziata e stimare il fabbisogno impiantistico dei singoli ambiti provinciali. La localizzazione degli impianti, tra le aree ritenute idonee dalla Città metropolitana di Roma e dalle altre province del Lazio, è invece una competenza degli enti locali, frutto del lavoro e delle scelte delle varie amministrazioni».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni