Atuttapagina.it

Palermo sempre più nel caos, si dimettono il neo presidente Richardson e il consigliere Treacy

Il Palermo sempre più nel caos. A due mesi dal suo insediamento, il presidente Clive Ian Richardson ha ufficialmente rassegnato le dimissioni insieme al consigliere John Michael Treacy. Il club, dunque, oltre ad essere in crisi finanziaria non ha nemmeno più un uomo al comando. Una situazione al limite, come ha dimostrato lo sfogo di Giuseppe Bellusci al termine della sfida contro il Foggia. «Non abbiamo garanzie di nessun tipo, siamo da soli, Foschi e Stellone ci stanno proteggendo da tutti», ha dichiarato il giocatore in lacrime davanti alle telecamere.

Questo il comunicato del Palermo: «L’U.S. Città di Palermo comunica che il signor Clive Richardson e il signor John Michael Treacy hanno rassegnato ieri formalmente le loro dimissioni dalle rispettive cariche di presidente e consigliere. È convocata per i prossimi giorni l’assemblea per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione. L’Amministratore Delegato precisa che il signor Richardson è sempre stato al corrente della situazione finanziaria della Società, come per altro evidenziano significative documentazioni risalenti al mese di ottobre. Pertanto le informazioni contenute nella lettera di dimissioni inviata agli organi di stampa sono prive di ogni fondamento. In merito alla gestione societaria l’attività dell’Amministratore Delegato è stata volta a ridurre frizioni e attriti di natura caratteriale e professionale che si sono venuti a creare tra il signor Richardson e la struttura tecnica e sportiva dell’U.S. Città di Palermo. L’Amministratore Delegato coglie l’occasione per rinnovare la fiducia nei confronti del Direttore dell’Area Tecnica Rino Foschi e per sottolineare la professionalità dei giocatori e dell’allenatore manifestata nella partita con il Foggia. In merito alle notizie divulgate alla stampa dal signor Richardson, la Società ha dato mandato ai propri legali di valutare le affermazioni rilasciate».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni